Bora 4

Storia dell'imbarcazione

L’imbarcazione era in stato di abbandono da diversi anni anche se questa in particolare abbia avuto come primo proprietario Mike Bongiorno che la fece realizzare dal cantiere secondo le proprie esigenze, purtroppo non abbiamo foto che lo ritraggono su questa barca ma il proprietario attuale l’ha acquistata direttamente da lui. Essendo emigrato negli Stati Uniti l’attuale proprietario non ha potuto più dedicargli le dovute attenzioni e la barca era stata lasciata
in uno stato di quasi totale abbandono, come lo dimostrano le foto a seguire.

Cosa abbiamo fatto?

A seguito di un meticoloso rilievo dell’imbarcazione allo stato in cui si trovava sono iniziate le fasi di progettazione da parte dell’easysea design lab, che possiamo suddividere in tre fasi principali:
  1. ricostruzione al computer del modello 3d allo stato originario,
  2. schizzi metaprogettualidove si abbozza le prime idee,
  3. analisi di fattibilità in collaborazione con il cantiere che dovà realizzare i lavori,
  4. realizzazione in 3d del nuovo progetto e render per presentare il tutto nel modo più veritiero possibile al proprietario dell’imbarcazione, insieme alla stima dei costi.
L’intero progetto è stato realizzato prima in 3D al computer per verificare la fattibilità e organizzare al meglio gli spazi collocando in maniera ottimale i vari accessori.
Per rendere l’imbarcazione molto più confortevole e vivibile abbiamo analizzato e sfruttato gli spazi a disposizione nel miglior modo possibile. Infatti la cabina del marinaio originariamente posizionata a poppa è stata rimossa viste le dimensioni contenute dell’imbarcazione e la necessità di massimizzare il pozzetto.
Abbiamo apportato le seguenti modifiche:
Eliminato la cabina marinaio estendendo la coperta, aumentato lo spazio di poppa, tagliato e creato un porta per accedere alla coperta evitando lo scomodo accesso esistente, creato due gavoni porta oggetti a poppa.
Le sedute richiudibili, permettendo così un facile lavaggio della coperta.
In questo modo non si hanno spazi più liberi, e si può anche decidere di trascorrere una giornata di pesca sportiva avendo una poppa molto spaziosa. È stata realizzata un’apertura sullo specchio di poppa per facilitare l’ingresso in pozzetto al quale è stata inserita una porticina in acciaio e plexiglass.
Creazione di una nuova coperta in teak con nuove aperture per i motori

Alcune parti non più utilizzabili perchè troppo rovinate sono state ricreate grazie all’ultilizzo di stampanti 3d e di frese a controllo numerico.

Foto barca ultimata

Presenta le anteprime dei lavori da fare in modo diverso!

here